sabato 3 settembre 2016

A' Jureca, la Torre dimenticata dai Trapanesi




In una stretta viuzza del centro storico trapanese, nel pieno del Rione San Pietro, resiste ancora una delle cinque Torri dello stemma della Città di Trapani. 

A' Jureca, la Torre Giudecca, è immersa nel quartiere, rimane nascosta dai vecchi palazzi costruiti intorno ad essa e perciò non facile da scovare, se non la si conosce. Io ci sono cresciuto "attorno".

E' - o dovrebbe essere - uno dei simboli più belli e antichi della città.

Ad onor del vero, la Torre fa parte di un complesso più ampio, quello di Palazzo Ciambra.

Discendenti da un regio algorizio che aveva fatto man bassa durante la cacciata degli ebrei e il cui stemma è visibile al centro del palazzo, i Ciambra lo eressero nel XVI secolo, inglobando la torre cittadina nello stabile. 

Le sue finiture e decorazioni hanno un sapore tutto iberico ed oltre a mostrare lo stile plateresco, tipicamente "spagnoleggiante" nelle bugne a diamante sulle pareti della torre, nei particolari delle finestre e dei portali, sono segno dell'affinità artistica e sociale tra la Sicilia e la Spagna. 

Com'è facile intuire, il palazzo sorge nel sito dell'antico ghetto ebraico trapanese dove gli Ebrei vivevano separati dai Cristiani per mezzo di un gruppo di fatiscenti baracche. Proprio alle spalle “della Giudecca”, da Iureca, c'è un'altra via stretta e tortuosa, Via Catito, u' Catito (dal latino "catonium" e dal greco "kàto", luogo peggiore, basso).


Stemma araldico della Famiglia Ciambra,
proprietaria di parte del palazzo.
Il palazzo ha subito numerose trasformazioni. Da sinagoga a Palazzo nobiliare, fino ad essere oggi in uno stato di semiabbandono, a' Iureca è un monumento di trapanesità. Forse, un po' dimenticato dai Trapanesi.

La sua bellezza parla da sola. Io ho solo scattato qualche foto per documentarla. 




Particolare della finestra con la bifora gotica, al centro della Torre. 

Bugne a punta di diamante,
tipico abbellimento delle abitazioni 
di inizio XVI secolo.

























Via Giudecca nel XX secolo (collezione Tonino Perrera)
da http://www.giornalekleos.it/salviamo-il-quartiere-della-giudecca-di-trapani/
Via Giudecca nel XXI secolo

Fonte Aretusa - Siracusa
Nella foto la "Giudecca" di Ortigia. Quella di Siracusa era la comunità ebraica più popolosa della Sicilia, dopo quella di Palermo. Il Quartiere ebraico della Giudecca, chiamato dai siracusani "A Iureca", è uno dei più antichi del centro storico di Ortigia. da http://www.lolhostel.com/it/ostello-siracusa/giudecca.html

Steripinto.jpg
Palazzo Steripinto a Sciacca. Lo Steripinto è uno dei più antichi palazzi della città di Sciacca, ancora oggi esistente. Gli elementi decorativi della facciata e la ricerca decorativa, fanno di questo palazzo uno degli insigni monumenti della città e un esempio dell'arte plateresca in Sicilia del tardo Gotico Rinascimentale. da https://it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_Steripinto




N.B. Anche in questo caso, anche per questa pagina sto studiando per migliorarla e accrescerla.

Reazioni:

0 commenti:

VideoBar

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.